fbpx

Sujok Italia

La tua salute è nelle tue mani

LA TERAPIA SU JOK

La terapia Su Jok è stata ideata dal Professor Park Jae Woo, uno scienziato coreano, che, dopo una lunga serie di studi, è pervenuto alla formulazione della teoria della Triorigine, individuando le quattro forze fondamentali che regolano ogni fenomeno nell’Universo, vale a dire Hetero, Homo, Neutro e Neuto. Il cammino verso una teoria unitaria è stato realizzato attraverso una lunga serie di geniali intuizioni, che hanno poi condotto a una visione complessiva, ma che di essa rispecchiano appieno i principi. Pertanto, il dono del Professor Park all’umanità è la scoperta e la diffusione di un insieme di metodiche e terapie, alla cui base rimane l’innato amore che il Creatore dimostra verso l’essere umano. Esse, se correttamente applicate, sono utili alla soluzione di problemi fisici e metafisici e, di fatto, spianano la strada verso una esistenza di felicità e salute.
Moltissimi dei sistemi di autoguarigione sono di semplice applicazione e possono essere padroneggiati da tutti.

Casi clinici

Rinorrea allergica

Un caso di cura miracolosa si è verificato durante il seminario del dottor Minkyu a Yakutsk. Il Dr. Minkyu ha spiegato i Sujok Ki orizzontali. Quel

Read More »

Sistemi di corrispondenza

sujok.it Il primo sistema della terapia Sujok a essere scoperto è rappresentato dai sistemi di corrispondenza standard sulle mani e sui piedi in cui tutto il corpo è rappresentato sulle parti terminali degli arti.

Altri sistemi di corrispondenza scoperti dal professore Park sono:

  • il sistema insetto (nell variante standard che vede tutto il corpo presentato su ogni singolo dito e nella variante ‘grande’ in cui invece tutto il corpo viene proiettato su uno dei quattro arti);
  • il sistema mini (in cui il corpo è proiettato sulla proiezione delle mani e dei piedi del sistema di corrispondenza standard);
  • il sistema radice (in cui il corpo è proiettato su ogni singolo dito non utilizzando solo le tre parti di cui esso è formato, ma estendendosi anche sull’articolazione metatarsale/metacarpale);
  • il sistema a birillo da bowling;
  • il sistema Yoga e molti altri ancora.

Inoltre il professor Park ha chiarito che ciascun sistema può essere considerato, oltre che dal punto di vista Hetero (ogni proiezione è indipendente), anche da quello della forza Homo, il che consente ulteriori possibilità di entrare nel dettaglio della proiezione, considerandone le varianti aperta e chiusa.

Oltre ai sistemi standard a cui finora si è fatto riferimento (che prevedono la proiezione di tutto il corpo su una parte di esso) esistono

  • i sistemi di corrispondenza parziale ad esempio il sistema a testa di animale che ci consente di raggiungere la corrispondenza di ogni singolo dente intorno a un’unghia o
  • i sistemi di corrispondenza della Triorigine che consentono la proiezione degli organi interni su una determinata parte del corpo (mano, piede, orecchio, ecc…).

Ciò che caratterizza tutti i sistemi di corrispondenza non è soltanto l’assoluta logicità nella proiezione del corpo su una delle sue parti ma anche e soprattutto il fatto che la disposizione e la natura delle proiezioni sono regolate dalle caratteristiche delle quattro forze della Triorigine a cui ciascuna parte è associata.

Il Professor Park, inoltre, approfondendo lo studio dei sistemi di corrispondenza alla luce della teoria della Triorigine, è giunto alla scoperta dei sistemi staminali di corrispondenza. Essi riflettono la fase di crescita in cui la cellula non si è ancora differenziata. Essi si distinguono in sistemi di corrispondenza sferica (associati a Neuto), monostaminale (associati a Hetero), bistaminale (associata a Homo) e tristaminale (associata a Neutro).

I SISTEMI ENERGETICI DEL CORPO UMANO

Applicando la teoria dei sistemi di corrispondenza alle antiche conoscenze della medicina orientale, il Professor Park è giunto a una logica conclusione: se il corpo è attraversato da linee energetiche (i meridiani) e contiene centri energetici (i chakra), essi dovranno essere necessariamente riflessi sui sistemi di corrispondenza. Partendo da questa riflessione e dalla disposizione topografica dei punti maggiormente sensibili sui meridiani corporei, il Professor Park è giunto alla individuazione dei meridiani Byol (meridiani di corrispondenza), ovvero della proiezione dei meridiani sulle dita delle mani e dei piedi.

L’interesse per i sistemi energetici del corpo umano ha poi portato il Professore Park a una attenta analisi della teoria che è alla base del Sistema dei Cinque elementi (aria, acqua, legno, metallo e fuoco). La conclusione a cui è giunto è che detta teoria, per quanto efficace in molte situazioni, non è sufficiente a spiegare parecchie condizioni patologiche. Da questa constatazione, il Professore ha cominciato a elaborare la teoria delle Sei Energie (dei Sei KI: Vento, Caldo, Calura, Umidità, Secchezza e Freddo): una nuova teoria dei sistemi energetici del corpo umano che ha rivoluzionato l’approccio al trattamento delle patologie nell’ambito della medicina non convenzionale

GLI SBILANCIAMENTI ENERGETICI

Gli sbilanciamenti energetici del corpo possono realizzarsi per varie cause (endogene o esogene) e possono essere di tipo quantitativo o qualitativo. Negli sbilanciamenti di tipo quantitativo, la quantità di energia che fluisce dentro un determinato canale può essere in eccesso o, al contrario, il canale può trovarsi in difetto di energia. In questi casi il trattamento è teso al ristabilimento del normale quantitativo energetico tollerato dal meridiano.

La correzione dello sbilanciamento energetico qualitativo viene apportata mediante l’applicazione di un vettore magnetico sui punti che regolano il flusso del meridiano. Così, in presenza di un difetto energetico, lo stimolatore verrà applicato con lo stesso verso di scorrimento del meridiano in modo da incrementarne l’attività. Nel caso di eccesso energetico, invece, il verso dello stimolatore verrà posizionato in direzione opposta a quello del meridiano in modo da rallentarne il flusso.

BILANCIARE I FLUSSI ENERGETICI CON GLI APROCCI SUJOK KI

Gli stimolatori possono essere naturali (dita, rametti, pezzi di foglia) o artificiali (magneti di vari tipi). Alla regolazione del flusso energetico dei meridiani è dedicato il corso Sujok Ki dei Meridiani. La regolazione del flusso energetico dei chakra costituisce, il sistema energetico delle zone il sistema a Diamante sono invece trattati nel corso Sujok Ki delle Zone. I due corsi rappresentano l’anticamera ideale allo studio più approfondito della Teoria delle Sei Energie.

La teoria delle Sei Energie presenta le caratteristiche principali delle energie del Vento, del Caldo, della Calura, dell’Umidità, della Secchezza e del Freddo, studiando come esse si manifestano a diversi livelli tanto in natura quanto all’interno del corpo umano.

Ciascuno di noi infatti, sin dal momento della nascita, presenta una propria costituzione energetica in cui è solitamente possibile rinvenire quale fra le Sei Energie è dominante. Quando siamo in salute, le Sei Energie si trovano in una  situazione di equilibrio energetico all’interno del nostro corpo. Tuttavia, per varie motivazioni (traumi, infezioni, ecc..) detto equilibrio può essere relazione armoniosa può essere alterata e una o più fra esse possono giungere a livelli di eccesso o di difetto. All’inizio, quando lo squilibrio è lieve è possibile che non appaia ancora una franca sintomatologia, che appare invece quando lo sbilanciamento energetico diventa importante.

La disregolazione di una energia può manifestarsi a livelli diversi.

Se, ad esempio, il suo eccesso si manifesta nella persona a più livelli (su più sistemi fisiologici, a livello emozionale, a livello mentale, a livello comportamentale ecc..), allora è possibile dedurre che siamo di fronte dinanzi a uno squilibrio a livello unificato e la correzione dovrà inizialmente essere a livello quantitativo. Se invece è lo squilibrio riguarda un solo sistema o un determinato livello, allora si opererà a livello delle energie individuali. Così, ad esempio, se i segni di eccesso dell’Umidità (che controlla l’apparato digerente) si manifestano in maniera eclatante a più livelli (edema, suppurazioni, ernia, senso di pesantezza, splancnoptosi, dolore sordo, vene varicose, emorroidi, senso di ansia, pensiero lento, preoccupazione per inezie, ecc…) riguardando tanto il versante Yin (meridiano della Milza e del Pancreas) che quello Yang (Meridiano dello Stomaco) allora si lavorerà a livello unificato. Se invece il disturbo si manifesterà su uno dei due versanti in maniera chiara si dovrà operare a livello individuale.

La teoria delle Sei Energie consente diversi approcci diagnostici.

Si può infatti formulare una diagnosi sulla base dello stato dei meridiani e dei chakra, sulla base della sintomatologia presente, sulla base della regione del corpo interessata dalla patologia. In quest’ultimo caso è possibile raggiungere l’organo o la regione interessata mediante la tecnica del ‘prestito’. Ogni sistema e ogni parte del corpo sono stati infatti associati a una particolare energia. Così, ad esempio, per trattare un’ernia alla quarta vertebra lombare bisognerà prima selezionare il sistema osseo (controllato dall’energia del Freddo), quindi selezionare la parte relativa alla colonna vertebrale (appannaggio della Calura), scegliere la parte relativa alle vertebre lombari (controllate dall’Umidità), fra di esse selezionare la quarta (controllata dalla Secchezza) e qui applicare il trattamento per far rientrare l’ernia. La Teoria delle Sei Energie si applica non solo ai problemi fisici ma anche a quelli di natura emozionale e mentale ai quali è dedicato un apposito seminario.

TEORIA DELLE OTTO ORIGINI

Il Professor Park oltre alla teoria delle Sei Energie, ha sviluppato numerosi altri sistemi di trattamento a livello energetico, i pianti conosciuti dei quali sono la teoria degli Otto Elementi, il sistema a Diamante e il sistema Sujok Ki delle zone. Ovviamente, tutti questi sistemi sono inquadrati nell’ambito della Teoria della Triorigine ai cui principi si conformano.

Nella Teoria delle Otto Origini, il Professore Park ha teorizzato che all’origine di ogni fenomeno vi siano otto energie denominate MA, LA, HA, A, AM, SAM, OM e UM.

Il modello ha come base il numero otto e pertanto ogni fenomeno è stato classificato su tale base, teorizzando una gerarchia fra i vari livelli. Ad esempio, nel mondo delle Sei Energie a livello funzionale troviamo le energie di Vento, Caldo, Umidità e Secchezza, a livello pratico abbiamo le Energie della Calura e del Freddo e a livello Spirituale ci sono le energie della Luminosità e della Oscurità.

L’identificazione del livello spirituale ha consentito un maggiore dettaglio nella descrizione dei fenomeni di ogni tipo. Inoltre, a livello energetico, essa ha consentito di scoprire il sistema energetico del Diamante solare. Tale sistema è costituito da una doppia piramide (un ottaedro) che ben rappresenta l’origine del sistema energetico unificato del corpo umano. In esso è possibile identificare i tre meridiani periferici che corrono lungo gli spigoli delle piramidi e i meridiani centrali (o interni) che costituiscono gli assi interni (verticale, sagittale e frontale) i quali collegano i sei chakra esterni che si trovano ai vertici. Il sistema energetico a Diamante è applicabile al corpo umano considerato nella sua interezza o anche alle sue singole parti. Essendo il più antico sistema energetico, da cui sono poi discesi i meridiani, i chakra e le zone, il sistema a Diamante, in base alla teoria della Triorigine, viene associato alla forza Neuto.

SUJOK KI DELLE ZONE

Un altro innovativo sistema ideato dal Professore Park Jae Woo è dato dalla terapia Sujok Ki delle Zone.

La classifica dei sistemi energetici secondo la Triorigine

Secondo la teoria della Triorigine, ogni sistema energetico del corpo è associato a una delle quattro forze fondamentali; così il sistema a Diamante è correlato alla forza Neuto, il sistema energetico dei Meridiani a Hetero, quello dei Chakra a Homo e quello delle Zone a Neutro, essendo quest’ultimo il più perfetto e al contempo il più semplice da capire, il più facile e indolore da applicare e quello che garantisce risultati più tempestivi.

Esso, infatti, coinvolge l’intero sistema energetico del corpo umano. La tecnica Sujok Ki delle Zone, considera le varie linee energetiche che percorrono il corpo umano. esse si dispongono in orizzontale, in verticale e in diagonale. Intersecandosi, esse danno origine a zone energetiche verticali, orizzontali e diagonali. Oltre alle linee e alle zone, particolare importanza rivestono i singoli punti sui quali può essere apportato un trattamento di tipo locale. Il razionale del trattamento poggia sull’idea che quando nel corpo umano si manifesta un disturbo esso è originato dal simultaneo squilibrio delle quattro zone o linee che la interessano. Basterà pertanto ripristinare il corretto flusso energetico in almeno una delle linee o delle zone della regione interessata per dare inizio al ripristino della spirale energetica che condurrà alla guarigione. Il trattamento può essere apportato in due modi diversi. Una possibilità è data dall’applicazione di stimolatori (artificiali o naturali) sulla proiezione delle linee e delle zone sui sistemi di corrispondenza. L’altra possibilità invece è data dalla stimolazione delle linee energetiche direttamente sul corpo.

Questa direzione terapeutica ha portato allo sviluppo del SAM WON DONG

Vuoi ricevere più informazioni sulla terapia Sujok?

Gli avvisi dei corsi online?

Le offerte speciali?

Iscriviti alla nostra newsletter, riceverai solo le informazioni rilevanti, e ti potrai sempre cancellare dalla lista, niente spam ))

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.